Un ospite d'eccellenza

Alle ore 19 del lontano 7 settembre 1968, veniva benedetta con rito solenne la nuova chiesa di Maserà di Padova in viale Kennedy, dedicata alla Natività della Beata Vergine Maria.

L'8 settembre 2018, esattamente cinquant'anni dopo, Sua Eccellenza Monsignor Georg Gänswein, Prefetto della Casa Pontificia e Segretario Personale di Benedetto XVI, ha varcato quella soglia per rendere omaggio al Santo Patrono della Comunità parrocchiale e per ricercare quel dialogo con il mondo, aperto alle periferie umane, che è uno dei pilastri del pontificato di Papa Francesco.

Nato in una piccola cittadina tedesca della Foresta Nera, da padre fabbro, è ora l'uomo più influente della curia Vaticana e vicino a 'due papi'.

La sua visita, che costituisce un fatto già destinato ad entrare nelle cronache e nella storia della diocesi di Padova, è stata anche l'occasione per mettere in mostra uno dei tesori del padovano; si tratta cioè dell'ex-pieve di Maserà che vanta una storia ben più lunga, poiché ci riporta ai 'secoli bui' dell'alto medioevo.

La prima esplicita menzione di questa chiesa, costruita sulle rovine di un edificio di età romana, risale al 970 d.C. e si lega alla storia della vicina Corte benedettina. Divenuta Pieve almeno dal 1077, e posta sotto la protezione imperiale, è destinata in pochi decenni a diventare un punto di riferimento per gli abitanti di innumerevoli villaggi della diocesi di Padova, seguendo una storia indipendente, e spesso contrastante, con quella della vicina Corte dei benedettini.

Completamente ricostruita alla fine del XV secolo, l'8 settembre del 1496 la chiesa viene consacrata in presenza del vescovo Pietro Barozzi e sostituita solo cinque secoli più tardi dalla nuova costruzione. E come vuole la tradizione, con la festa del Patrono di Maserà di Padova cade anche la consueta Sagra della Natività.

Rubrica curata in collaborazione con la dott.sa Serena Zanetto - E'A associazione culturale

Serena Zanetto e Monsignor Georg_Gänswein durante la visita alla Pieve

Serena Zanetto e Monsignor Georg_Gänswein

Serena Zanetto e Monsignor Georg_Gänswein

Inizio della processione con le autorità

Monsignor Georg_Gänswein in coda alla processione