In tanti per riscoprire la propria storia

Si è svolta venerdi 14 settembre, alla Corte Da Zara a Maserà, in una sala polivalente praticamente esaurita dei suoi duecento posti a sedere, la presentazione ufficiale del libro “Storie nella storia di Maserà” del nostro collaboratore ed amico Ennio Chiaretto. La serata, patrocinata dal comune, è stata davvero interessante, a tratti anche culturalmente impegnativa e per lunghi minuti anche divertente.

Possiamo ben testimoniarlo noi di Casalserugo e dintorni, presenti tra il pubblico a cogliere commenti e considerazioni.

La serata è stata ben condotta da Gabriele Roma il quale, subito dopo avere introdotto le autorità presenti tra cui spiccavano l’assessore provinciale con delega alla cultura e vice sindaco di Casalserugo Dott.ssa Elisa Venturini, la sindaca di Cartura Pasqualina Franzolin, ha passato la parola per un breve saluto al vicesindaco ed ex sindaco di Maserà Dott. De Paoli.

Nella foto Elisa Venturini assessore provinciale con delega alla cultura della Provincia di Padova assieme a Gabriele Roma

Nella foto Pasqualina Franzolin Sindaca del comune di Cartura

Quindi interveniva, per il vero momento di analisi storica, la Dott.ssa Liviana Gazzetta storica e autrice di numerosi saggi, libri e articoli. Del suo intervento ci ha molto colpito l’aggettivo “cinematografico” per descrivere l’andamento della scrittura del libro di Ennio e soprattutto il rimarcare che l’autore fa risalire l’inizio della conquista del benessere nelle nostre campagne in un periodo storico ben definito e ben descritto nel volume oggetto della presentazione. Tutto l’intervento è stato corredato dalla proiezione di slides sullo schermo gigante, a cura di “Idee Grafiche” di Enrico Chiaretto, anche lui presente al tavolo ma rimasto nell’ombra a curare l’ottima organizzazione tecnica.

Dopo avere salutato anche i rappresentanti delle associazioni del territorio presenti e altre personalità, Gabriele Roma ha passato il pallino della serata all’intervista con l’autore, curata e portata a compimento da Giovanni Lazzaro, un amico d’infanzia di Ennio.

L’intervista, sempre accompagnata da splendide foto e immagini sullo schermo gigante, ha toccato vari temi presenti nel libro e durante la quale c’è stato modo di approfondire un minimo i contenuti e soddisfare qualche curiosità. Durante l’intervista inoltre c’è stata la sorpresa degli interventi di “lettura interpretata” di brani del libro da parte dell’attore Pietro Alberto Venuti, impegnato, tra l’altro, in questi giorni, alla preparazione del tour per l’iniziativa “Padova Gotica”

Nella foto l'attore Pietro Alberto Venuti in sala. Altre foto della serata  FOTO A FOTO B

La serata, che si è conclusa molto felicemente, ha visto, prima delle dediche di rito dell’autore nelle copie del libro venduto, gli interventi di altre autorità e soprattutto quello del nipote di uno dei protagonisti della Maserà del secondo novecento, quel Don Guido Beltrame autore, fino ad oggi, dell’unico saggio esistente sulla storia del comune.

Ne approfittiamo anche noi adesso, a mente fredda per fare qualche domandina all’amico Ennio.

Allora, come è andata la serata, dal tuo posto di osservazione?

Beh, pieno di gente, una grande soddisfazione. Che partecipazione per un libro di storia! Soddisfazione ma anche emozione, magari non si vedeva ma ero veramente emozionato.

Dai commenti che abbiamo colto e dalle prime espressioni di chi ha sfogliato il libro sembra che piaccia molto. Tu che ne pensi?

Penso che è presto per dirlo, ma pure io ho saputo di una ottima accoglienza, anche in questi giorni ho ricevuto molti attestati di stima e complimenti. Mi fa un gran piacere ma ancora di più che si parli con interesse della nostra storia, dimenticata, appunto. Cosa di cui non mi capacito.

Tutti quelli con cui abbiamo parlato, all’uscita hanno descritto quella di venerdì come una bellissima serata, interessante, varia e coinvolgente. Com’è stata l’organizzazione?

E’ stata un po’ complessa, specie per me che non sono certo abituato. Devo comunque dire grazie un po’ a tutti quelli che mi hanno aiutato: dall’amministrazione comunale che mi ha dato la possibilità di usare la sala adeguata, ai dipendenti del comune che si sono attivati con grande disponibilità. Un grazie speciale anche all’amico Gabriele Roma e a Michela, che hanno portato avanti una parte di organizzazione con un entusiasmo massimo. Poi all’associazione Liberamente che ha curato anche l’aspetto non certo secondario della vendita del libro e relativi incassi.

Ecco, non per essere venali, ma come sta andando la vendita?

Molto, molto bene, le copie si stanno vendendo in modo anche inaspettato, per me.

Progetti per il futuro, intendi promuovere il libro ancora?

Guarda: vorrei prendere i contatti giusti per fare una presentazione anche a Casalserugo, poi non è affatto esclusa, anzi, una presentazione anche alle scuole medie di Maserà, cosa alla quale tengo molto.

Per concludere torniamo alla serata: qualcosa da rimproverarti, qualcosa non ha funzionato o tutto bene?

No tutto perfetto no di certo, qualcosa è andato storto proprio a causa dell’emozione: ho dimenticato di rimarcare l’importanza che per me hanno avuto alcune persone. Tra queste proprio Enrico Chiaretto di idee grafiche, Elisabetta Montagna di Liberamente, Giuseppe Tiozzo con Casalserugo e dintorni per l’aiuto e la collaborazione che mi ha sempre dato (a proposito, ancora grazie per le leggendarie video-pillole, mi fermano anche per strada a chiedermi dove si possono rivedere). Ma soprattutto ho dimenticato di citare l’autrice della fantastica illustrazione di copertina, che da sola vale forse il 50% dell’attrattività del libro. Si tratta di mia nipote Giada Chiaretto, laureanda all’accademia delle belle arti di Bologna.

E se adesso ne volessi comprare una copia?

Ma te la regalo io, ci mancherebbe. Se invece vuoi acquistarla devi andare in un punto vendita dei quattro che ci sono tra Maserà e Bertipaglia. Posso fare i nomi, così ringrazio anche loro?

Ma si, vai pure

Allora: chi vuole lo può trovare da Cartoservice di Nuzzaci Dario, via Roma Maserà; Panificio Tosatto a Bertipaglia in piazza, al Caffè Pertini in piazza Pertini a Maserà, in Tabaccheria Donati Giorgio a Maserà, di fronte al supermercato Alì. Secondo me una bella idea regalo anche per le prossime feste di Natale; anche se non avrei mai pensato di dirlo: chi ne vuole uno si sbrighi, perché vanno via.

Alla fine cosa devi aggiungere? Farai la continuazione?

Me l’hanno chiesto ma al momento direi che è presto per pensarci, di idee ce ne sarebbero, di fatti e persone importanti e non di cui parlare anche. Comunque no, ripeto, non ci ho pensato. anche perché questa settimana è stata terribile, con la scomparsa improvvisa di un amico come Agostino Buratin.

Nella foto da sinistra a destra: Giovanni Lazzaro, Ennio Chiaretto, Liviana Gazzetta, Enrico Chiaretto, Gabriele Roma

Nella foto Ennio Chiaretto, Gabriele Roma

Immagini della serata di presentazione ©ph.Giuseppe Tiozzo